Stile

ueshiba5philippe-gouttardEsistono numerose scuole di Aikido. Il fondatore, Morihei Ueshiba, ha avuto molti allievi nel corso del tempo e molti di essi hanno creato un proprio stile. In generale, si può immaginare che, essendo ogni essere umano unico, ognuno di noi si muova diversamente e pratichi quindi in modo diverso.

Aikido Roma Nord si ispira a Philippe Gouttard nella pratica come nella didattica. Questo non significa che si ha la pretesa di essere suoi allievi riconosciuti o di fare tutto come fa lui sul tatami. Quello di Philippe Gouttard è a sua volta un Aikido ispirato al genio di Seigo Yamaguchi, ma anche mirato al benessere psicofisico grazie alla sua conoscenza dell’osteopatia; molta enfasi è posta sullo spirito della tecnica, sulla sua essenza, più che sul dettaglio esecutivo.

Ciò che caratterizza l’Aikido del Katsu Dojo è l’esecuzione delle tecniche nel pieno rispetto delle funzioni articolari.

  • Lo scopo è esercitare le articolazioni a lavorare nella loro massima estensione e nel modo in cui sono state progettate dalla natura, cosa che consente loro di durare più a lungo. Fondamentali sono il corretto lavoro della schiena e delle ginocchia, di solito molto trascurato.
  • Spesso le tecniche di Aikido provocano dolore e il corpo si uke si muove per questo motivo, quindi in contrazione. Cerchiamo di imparare ad utilizzare la naturale biomeccanica del corpo, non il dolore, per mobilizzare il partner. Eviteremo i classici problemi articolari che affliggono molti praticanti anche esperti.
  • Durante la tecnica tutto il corpo partecipa, respira, ogni parte si muove in armonia; ciò evita i traumi ed è necessario per far crescere il corpo, per costruire un’intelligenza corporea.
  • Il continuo contatto fisico deve aiutare a sviluppare una sensibilità tale da stabilire tra partner una comunicazione intima, profonda, fino a che basterà il semplice tocco, una presa, per comprendere tutto del nostro partner.
  • L’intensità, la partecipazione, il coinvolgimento, la passione durante la tecnica è essenziale per non creare una pratica vuota, che appaia “finta” se vista dall’esterno.

Questa interpretazione dell’Aikido necessita un notevole impegno fisico e psicologico, ma ha lo scopo di mantenere giovani più a lungo e di lottare contro i propri limiti e le proprie paure per il superamento dell’Io, nel puro spirito del Budo. E’ uno stile che fa riferimento al Quartier Generale Mondiale dell’Aikido, lo “Hombu Dojo” dell’Aikikai di Tokyo.

Approfondimento